Menù Principale
· Links
Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
News del 2019
LuMaMeGiVeSaDo
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
 
Sondaggio

Questo è un esempio di poll - Ti piace il sito?

SI

NO

Questo sondaggio è riservato agli utenti registrati

Voti: 460
Sondaggi precedenti
Feed RSS
Le news possono essere distribuite con sistema RSS.
rss1.0
rss2.0
rdf
Seleziona Lingua


venerdì 24 maggio 2019
1243 i mercati si stanno assuefando al newsflow di schermaglie

i mercati si stanno assuefando al newsflow di schermaglie sia alle vane promesse di trump di una riprsa del dialogo (vedro Xi a osaka) sia alle smentite da parte cinese.
una settimana fa, il post di Hu Xijing uscito tre minuti fa
avrebbe mosso i mercati.   Ora non succede nulla..
 
in realtà neanche le news delle varie case Usa che smettono di lavorare con huawei (microsorft per esempio) è una no- news, in quanto è INCORPORATA NEL DIVIETO USA.
La microsoft DOVRA' smettere di fornire il suo sistema informativo a huawei perchè non puo non farlo. Quindi quando uscirà la news, che probabilmente MSFT preferisce far passare poco pr volta per non impattare sui suoi conti e sui valori dell azione, sarà una news non nuova.
E cosi pr tutte le altre aziende Usa che dovranno chiudere i rapporti.
A meno che (e questo non lo so) queste aziende non chiedano al USTR come debbano comportarsi e aspettinoi quindi la risposta ufficiale. Mi immagino che MSFT abbia rivolto un interrogazione al USTR "posso continuare a vendere windows10 a huawei? o devo fermare?"
 
in realtà la vera news, che stiamo aspettando ma che continua a tardare, è la ritorsione cinese a huawei.
potrebbe arrivar da un momento all altro, cosi come ritardare.
Dalla determinazione con cui il governo cinese combatte la guerra commerciale (finora dazi solo su 60bn di import) , si puo capire a quanto puo salire la tensione, quanto a lungo puo durare, e quali possono essere le ricadute su un PIL mondiale che già sta dando segnali di un Q2 debole. Sul secondo semestre non ci sono ancora aspettative definite, ma il trend verso una crescita inferiore (#SlowingGrowth hashtag su twitter) è evidente, e con i PMI di inizio giugno si paleserà  a livello planetario.
 
su questo scenario si incastra un'altra variabile: la FED potrebbe cambiare il suo target di inflazione, da sempre al 2% (come per tutte le altre BC mondiali).
Per agli antefatti e i motivi di questo probabile cambio, vi consiglio di leggere questo articolo
Il 4-5 giugno la FED Chicago ospiterà dibattiti su questi temi e il mondo stara à guardare cosa verrà deciso
si tratta di modifiche fondamentali : decideranno la monetary policy della FED, che influenzerà analoghe discussioni in seno alle altre BC, e si riverberà poi sui mercati obbligazionari, e da li a tutte le asset class.
 
ci sorprendiamo perchè con queste notizie di guerre commerciali i mercati siano , tutto sommato, a solo 3% dai massimi ?
forse perchè non c'è solo questa variabile, nè solo il posizionamento (UW) ma c'è altro che bolle in pentola.
 
 
Inviato da Antonio Lengua il ven 24 maggio 2019 - 12:44:45 | Leggi/Invia Commenti:12 |Stampa veloce