Menù Principale
· Links
Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
News del 2019
LuMaMeGiVeSaDo
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 
Sondaggio

Questo è un esempio di poll - Ti piace il sito?

SI

NO

Questo sondaggio è riservato agli utenti registrati

Voti: 463
Sondaggi precedenti
Feed RSS
I commenti possono essere distribuite con sistema RSS.
rss1.0
rss2.0
rdf
Seleziona Lingua


805 i mercati stornano ma si limitano a prezzare (poco) il rischio di un semplice ritardo nel trade deal

nella notte i mercati asiatici hanno reagito alla news di un possibile ritardo del trade deal al 2020 con un po di storno.
Per ora i mercati si limitano a prezzare (poco) il rischio di un semplice ritardo nel trade deal
 
La pacatezza del movimento di storno ritengo sia da attribuire al fatto che
1) non si perde la speranza che un trade deal, per quanto molto svuotato delle sue iniziali pretese, possa avvenire
2) la cina non intenda fare alcuna ritorsione dopo che anche che il Congresso ha passato la legge per la tutela dei diritti umani a HK
3) trump non intenda applicare nuovi dazi oltre a quelli già decisi
 
i rapporti, che sono stati dipinti come cordiali sinora, possono restare tali o modificarsi.
 
segnali di peggioramento significativi si avrebbero qualora la cina decidesse delle misure di ritorsione:  ricordo che anche nel peggior momento di crisi (giugno luglio) le ritorsioni della cina sono sempre arrivate in misura inferiore alle attese e con molto ritardo rispetto alle provocazioni di trump.  Per esempio la minaccia di limitazioni all export verso gli usa delle terre rare non si sono mai concretizzate.
 
quindi un segnale di rottura di tregua da una parte o dall altra (trump ha minacciato di inasprire i dazi x esempio) sarebbe un pessimo viatico per la trattativa e sicuramente costringerebbe molti bulls a rivedere le loro strategie, e i mercati a riprezzare in modo piu adeguato il rischio di un inasprimento delle tensioni (cosa che per ora sta succedendo in modo molto molto ridotto, soprattutto sui mercati Usa).
 
Inviato da Antonio Lengua il gio 21 novembre 2019 - 08:05:55 | Leggi/Invia Commenti:0 |Stampa veloce

Devi essere loggato per inserire commenti su questo sito - Per favore loggati se sei registrato, oppure premi qui per registrarti