News: 1326 repricing delle aspettative di crescita.
(Categoria: equities EU)
Inviato da Antonio Lengua
ven 12 aprile 2019 - 13:30:16


la mattinata di oggi ci dice che è in atto un repricing delle aspettative di crescita.
 
il movimento del bund che a mio parere è piu significativo di quello degli stocks (anche percè accompagnato da volumi molto piu alti), ci dice che la crescita non è cosi asfittica come atteso quindi che tassi cosi bassi non hanno molto senso
 
il tnote ha perso 50 ticks dalle 10 in avanti, che equivalgono , come movimnto della curva a 80 ticks di bunds.
e il bund si è mosso in effetti di 80 ticks da 16570 a 16490
a fronte pero' di questi cambiamenti nella curva, la dovishness delle banche centrali potrebbe essere esagerata, come fa anche notare el erian oggi
LINK https://www.cnbc.com/2019/04/12/mohamed-el-erian-on-federal-reserve-us-economy-growth-divergence.html
 
ora, visto che il rally è partito con una svolta a U della fed , diventata molto dovish a metà dicembre, (e i mercati che hanno rellato di brutto da allora), se la FED dovsse riaggiustare un po il tiro, sarebbe l occasione per i mercati di correggere il rally
 
Sono discorsi ancora forse prematuri, ma mi aspetto che certi ragionamenti prendano piede, dato che è il comportamento delle banche centrali , molto market oriented, che condiziona indici e bonds ormai.
 
riprendo un paragone che avevo fatto già a dicembre:  l economia non è in un sentiero stabile di crescita stile goldilocks del 2017 (praticamente volatilità nulla, azionari in costante salita con minime escursioni di prezzo).
Siamo ad un momento in cui possono esserci degli aggiustamenti, e gli aggiustamenti equivalgono a entrare in curva.
La curva è piu difficile da gestire rispetto al rettilineo dell autostrada GOldilocks : si puo stringere troppo o allargare troppo la sterzata.
A ott-nov 2018 la FED aveva stretto troppo la curva, ha corretto la traiettoria a metà dicembre ma potrebbe aver allargato troppo. Gli indici e i bonds reagiscono amplificando queste correzioni di rotta, e diventano ovviamente piu vulnerabilii a tine tuning sbagliati (chiamarli errori è forse troppo) delle banche centrali.
 
ecco il mio post con il paragone sulla sterzata del 4 genn
LINK http://www.thehawktrader.com/comment.php?comment.news.29496
 
il repricing delle aspettative di crescita si scontra quindi con una possibile reazione piu hawkish delle banche centrali, che i mercati potrebbero decidere di dover scontare presto : questo fattore, unito ad altri ( la stagionalità avversa (sell in may and go away) + un rally alle spalle impressionante, + un doppio massimo incombente sui mercati americani) richiede massima attenzione !



Questa news proviene da THE HAWK TRADER
( http://www.thehawktrader.com/news.php?extend.30008 )